Penoplastica, che cos’è?

La penoplastica è un’operazione poco conosciuta dal grande pubblico, che coinvolge più di ottomila persone all’anno. Si tratta di ingrandire il pene, sia in lunghezza che in larghezza. Perché gli uomini vogliono eseguire questa operazione? Qual è il costo e come si svolge la procedura? Spieghiamo tutto in dettaglio in questo articolo.

Cause della penoplastica

La penoplastica è praticata da uomini che si sentono complicati dalle dimensioni del loro pene (articolo correlato: qual è la dimensione media di un pene). Questo disagio può verificarsi dopo aver confrontato il proprio sesso con quello di altri uomini, per esempio nello spogliatoio di un palazzetto dello sport. Altri desiderano ottenere un’assicurazione dai loro coniugi. L’operazione può essere considerata se diventa un vero e proprio complesso, con un impatto sul benessere della persona.

Le diverse operazioni possibili

La penoplastica può essere eseguita in sala operatoria con anestesia generale. Non è un’operazione rischiosa, ma se fallisce, l’impatto psicologico sul paziente può essere significativo. Per questo motivo la maggior parte degli operatori consiglia di consultare uno psicologo prima dell’operazione per assicurarsi di essere in buone condizioni mentali. Con questo intervento il paziente può guadagnare in media 2,7 centimetri di lunghezza e 2,6 centimetri di circonferenza, ma solo a riposo. In erezione, il pene avrà sempre le stesse dimensioni.

La penoplastica può essere eseguita anche senza intervento chirurgico, con iniezioni di acido ialluronico nel pene. Il medico applicherà una crema anestetica prima dell’iniezione e non farà alcuna incisione sul pene, a differenza della penoplastica in anestesia generale – chiamata anche falloplastica. Con questa procedura, il paziente può aspettarsi di guadagnare da due a tre centimetri in più di circonferenza.

LEGGI  Sesso in netta recessione tra i giovani

L’intervento in dettaglio.

Per allungare il pene, viene praticata un’incisione alla base del pene, che rilascerà un legamento chiamato “legamento sospensivo”. Lo scopo di questo legamento è di riattaccare la base del pube al pene, in modo che dopo l’operazione il pene eretto sia leggermente inclinato verso il basso e non si distenda più verticalmente quando è sdraiato. Le conseguenze sono solo estetiche e non cambieranno le sensazioni durante il successivo rapporto sessuale.
Per aumentare la circonferenza del pene, il chirurgo rimuove il grasso dalle natiche o dalle cosce del paziente e lo inietta nuovamente nel pene attraverso quattro piccole incisioni. La circoncisione viene eseguita anche prima dell’operazione per evitare che il grasso si sposti verso la punta del prepuzio.

Dopo l’intervento, il paziente non deve avere rapporti sessuali per tre settimane per recuperare bene. Inoltre, in caso di aumento della circonferenza, la pressione del pene contro la cavità vaginale potrebbe influire sulla distribuzione del grasso intorno al pene, con conseguenze estetiche.

Chi non è interessato alla penoplastica?

La penoplastica non viene eseguita su pazienti con micropene, cioè pazienti la cui lunghezza del pene non supera i sette centimetri in età adulta. Infatti, operare un micropene fa parte della chirurgia riparativa ed è quindi coperto dalla previdenza sociale.

La penoplastica non è utile anche per il trattamento della disfunzione erettile. Per questo è necessario consultare uno specialista e non un chirurgo plastico. Va notato che, proprio come la chirurgia ricostruttiva per i micropeni, gli interventi destinati a risolvere i problemi erettili sono rimborsati dalla previdenza sociale.

Premi e risultati

Questo intervento non è considerato chirurgia ricostruttiva e quindi non è coperto dalla previdenza sociale. Per le iniezioni di acido ialuronico, contare tra i 2500 e i 4000 euro. Per l’allungamento e l’ispessimento mediante un’operazione sarà necessario un budget di 5500 euro.

LEGGI  Il cockring (o anello del pene): come e perché usare un anello vibrante?

Nel complesso, i pazienti sono molto soddisfatti della penoplastica e alcuni coniugi apprezzano particolarmente l’effetto del grasso iniettato intorno al pene. Un’operazione che è quindi sicura e che può migliorare notevolmente la fiducia in se stessi del paziente ma anche il suo rapporto con la coppia.

Jean-Michel COHEN

Jean-Michel è stato un giornalista sanitario di Medisite per 6 anni, prima di entrare nella redazione di peacereporter.net nell'aprile 2020, come responsabile della sezione salute, psico e sesso. È laureato al Centre de Formation et de Perfectionnement des Journalistes (CFPJ).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Peacereporter.net