Pene contorto: cause e soluzioni per il pene curvo

Il pene curvo è un fenomeno comune. Può essere grave, ma nel 95% dei casi non lo è. Gli uomini possono nascere con il pene curvo senza che sia drammatico. I peni curvi sono comuni nella stragrande maggioranza dei casi. È l’espressione di una curva sul pene.

Ci sono uomini che avranno un pene naturalmente curvo. In momenti come questi, bisogna ricorrere alla genetica. È lei la responsabile di questo modulo.

Gli uomini che hanno il pene curvo si renderanno presto conto che un pene curvo non è un inconveniente quotidiano. Infatti, non fa male e non ti impedisce di vivere. L’intimità non si fermerà, il che è una buona notizia.

D’altra parte, conosciamo uomini in cui il pene curvo è causa di stress e di ansia. Spesso è fonte di conflitti e difficoltà per molti uomini. È nella vita intima che l’autostima si evolverà e cambierà. A causa dell’eccessiva ansia, questa scarsa immagine di sé può portare naturalmente alla disfunzione erettile.

In questo articolo parleremo di diversi aspetti del pene contorto. Va detto che gli uomini che hanno il pene curvo durante la notte devono chiedersi se non sono vittime della Lapeyronia.

“Ho il pene curvo, cosa devo fare? »

Il pene curvo è un’opportunità per gli uomini di rassicurarsi. Nella stragrande maggioranza dei casi, si tratta di un colpo di scena genetico e/o benigno. Tuttavia, è possibile essere vittima della malattia di Lapeyronia, che si dice colpisca circa il 5% della popolazione maschile.

Gli uomini che hanno il pene curvo fin dalla prima infanzia non hanno bisogno di guardare oltre. E’ sicuramente una causa genetica. Non c’è nulla di cui preoccuparsi. Molto spesso questi peni ricurvi sono gli stessi da padre a figlio. È un elemento importante, perché rassicura! Sappiamo però che non è facile avere questo tipo di conversazione con il proprio padre.

LEGGI  Semplice trucco per curare la disfunzione erettile

La curvatura del pene non appare durante la notte. C’è una spiegazione fisica. Nella stragrande maggioranza dei casi, è infatti il risultato di un microtrauma. In altre parole, è il tessuto muscolare lacerato che causa questa curva. Si può naturalmente sentire un dolore acuto. Di solito è accompagnato da un tonfo. Uomini diversi hanno percezioni diverse.

Usando il vostro sesso per vari motivi, rallenterete il processo di guarigione. Interrompendo il processo di guarigione, si avrà un pene curvo.

Gli uomini che sono colpiti da questo fenomeno sono principalmente di età superiore ai 50 anni. Tuttavia, un giovane tra i 20 e i 30 anni può benissimo essere toccato da un pene contorto.

Quali sono i sintomi della malattia di Lapeyronia?

La malattia di Lapeyronia si manifesta con sintomi diversi. Ne abbiamo identificati tre principali:

Disfunzione erettile: gli uomini possono avere difficoltà ad avere un’erezione. Questa è la causa precisa del problema al pene. Questo non si sta riempiendo di sangue a sufficienza. In questo caso, l’uomo si trova di fronte ad un’erezione morbida. Quest’ultimo può manifestarsi naturalmente a causa di un blocco psicologico. Non si deve confondere tutto.
Dolore: durante l’atto sessuale, gli uomini provano dolore. Questi appaiono da 6 a 8 mesi dopo l’inizio della malattia. Ci sono uomini che provano dolore mentre il pene è a riposo. Sono dolori che fanno male e possono causare disagio.
Deformità sessuale: il pene può essere deformato in diversi modi. Troveremo il pene deformato nella direzione ventrale, nella direzione dorsale o in entrambe le direzioni. Di solito gli angoli di curvatura non sono molto importanti. Tuttavia, ci possono essere angoli che variano molto. A seconda del paziente, l’angolo sarà più o meno pronunciato. Si può avere una torsione del pene di 90 gradi. Per scoprirlo, una semplice ecografia ordinata dal vostro medico vi dirà esattamente cosa sta succedendo. Prima viene fatta la diagnosi, maggiori sono le possibilità di ottenere il giusto trattamento.

LEGGI  Diminuzione della libido: cause e conseguenze della perdita del desiderio sessuale

Che cosa fa questo alla vita quotidiana di un uomo?

Avere il pene storto significa che sei uno dei pochi uomini che sono malati. Il colpevole è il morbo di Lapeyronnie. In molti casi si tratta spesso di un notevole blocco psicologico che può avere conseguenze significative. Nella stragrande maggioranza dei casi, gli uomini non lo vivono bene.

La virilità maschile prende un colpo. Ci sarà questa vergogna che dominerà i sentimenti e lo stato d’animo di un uomo. Si sentirà un po’ poco virile. Non sarà contento.

Indirettamente, l’uomo sperimenterà un significativo calo della libido. Questo sarà per gli abbonati assenti e l’uomo non sentirà, o non proverà più desiderio sessuale. Naturalmente, in assenza di desiderio, l’uomo soffrirà di una disfunzione erettile più o meno grave.

Qual è la cura per il morbo di Lapeyronnie?

I recenti studi sull’argomento non forniscono una soluzione efficace e sostenibile. È un problema che in molti casi è scomparso da molto tempo. Solo il 12% delle persone in uno studio scientifico mostra un notevole cambiamento.

Si deve ammettere che la presenza di un trattamento è obbligatoria per la guarigione.

Ci sono uomini che suggeriranno la chirurgia come trattamento. I risultati sono abbastanza casuali fino ad oggi e alcuni pazienti dicono che il successo dipende dal decorso della malattia.

L’altro trattamento è meglio conosciuto: il farmaco. Ci sono molti, forse troppi, trattamenti farmacologici. Nella stragrande maggioranza dei casi, la vitamina E è essenziale perché aiuta a ricostruire il tessuto del pene. Il medico prescrive anche altri farmaci più tecnici e specifici.

Un aiuto materiale è disponibile: l’estensore del pene. Si tratta di uno strumento comune, spesso utilizzato da uomini che notano insoddisfazione per le dimensioni del pene. I risultati rimangono contrastanti.

LEGGI  Disfunzione erettile durante l'atto: origine e soluzioni

Nella stragrande maggioranza dei casi, vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico che vi fornirà tutte le informazioni necessarie per il trattamento di un pene contorto.

Jean-Michel COHEN

Jean-Michel è stato un giornalista sanitario di Medisite per 6 anni, prima di entrare nella redazione di peacereporter.net nell'aprile 2020, come responsabile della sezione salute, psico e sesso. È laureato al Centre de Formation et de Perfectionnement des Journalistes (CFPJ).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Peacereporter.net