Micro pene: quando il sesso è troppo piccolo e quali sono le soluzioni?

Il sesso maschile è un simbolo di virilità, forza e piacere carnale. Le sue dimensioni, una delle maggiori preoccupazioni dei maschi. Infatti, dall’infanzia all’età adulta e soprattutto durante la pubertà, gli uomini si misurano, si confrontano e si interrogano. Si tratta di un comportamento del tutto normale e molto spesso necessario per dissipare i dubbi. Solo a volte, la semplice curiosità si trasforma in una preoccupazione che può arrivare fino all’ossessione. È così che il micro pene è spesso oggetto di idee preconcette e di diagnosi errate, diventando fonte di preoccupazione. Ma sappiate che un micro pene funziona normalmente e che esistono trattamenti naturali che allungano le dimensioni del sesso. Inoltre, solo il 3% della popolazione ha una diagnosi di micropene.

Cos’è un micro pene?

La dimensione media del pene

La dimensione del pene è spesso un’ossessione. Pertanto, sono stati condotti studi per determinare, una volta per tutte, la dimensione normale di un pene. In questa opica, il medico inglese David Veale ha raccolto i dati di 20 studi condotti sulle dimensioni medie del pene. Lo studio finale comprende le misurazioni di oltre 15.500 uomini. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista specializzata in urologia: la BJC International. Ecco le cifre presentate:

Lunghezza media del pene a riposo: 9,16 cm / circonferenza media: 9,31 cm
Lunghezza media del pene eretto: 13,12 cm / Circonferenza media: 11,66 cm
Anche l’Accademia Francese di Chirurgia ha fornito i dati relativi alle dimensioni medie del pene. I risultati ottenuti sono simili: a riposo, il pene avrebbe una lunghezza in erezione compresa tra 9 e 9,5 cm, mentre in erezione sarebbe compreso tra 12,8 e 14,5 cm.

Tuttavia, come vedremo più avanti, ci sono soluzioni per ingrandire il pene, come il Membro XXL.

Diagnosi del micro pene

Non confondere il micro con il piccolo. Infatti, solo perché le dimensioni del vostro pene sono inferiori alla media non significa che abbiate un micro pene. Infatti, si dovrebbe sapere che nella maggior parte dei casi, nella maggior parte dei casi, il micro pene viene diagnosticato alla nascita. Nel caso di un pene piccolo, la diagnosi sarà fatta in età adulta, una volta terminata la pubertà. Alla nascita, la dimensione media del pene di un bambino piccolo è compresa tra 2,5 e 4,5 cm. Il medico diagnosticherà un micro pene se la dimensione del sesso del bambino è inferiore a 1,9 cm.

In età adulta, un pene con un’erezione inferiore a 7 cm viene diagnosticato come micropene.

La misurazione del pene durante una visita medica viene effettuata dall’osso pubico fino alla punta del glande. Di solito il medico allunga il pene 3 volte di fila: tira leggermente il glande e poi lo rilascia. Se viene rilevato un micro pene, il medico prescriverà un test ormonale per completare la diagnosi.

Attenzione all’autodiagnosi!

Vista la semplicità della diagnosi – basta una semplice regola – molti uomini decidono di autodiagnosticarsi. Anche se è perfettamente normale misurare il pene per potersi confrontare con la media generale, fate attenzione all’interpretazione. Pochissimi uomini sono veramente soddisfatti delle dimensioni del loro organo e, in tutta onestà, certamente nessun uomo rifiuterebbe qualche centimetro in più. Con questo non intendo confondere il micropene con il pene piccolo e ancor meno con il desiderio di avere un pene ancora più lungo, nonostante le sue dimensioni normali. Dovete sapere che solo il 3% della popolazione francese ha una diagnosi di micropene. A questo proposito, è stato condotto uno studio per misurare il divario tra l’autodiagnosi e la diagnosi effettuata da un medico.

LEGGI  Che sapore ha lo sperma? Può essere modificato? Vi spieghiamo tutto

Su 90 uomini che si consultano per un micro pene, lo 0% viene diagnosticato come tale dal medico.

> Se volete aumentare le dimensioni del vostro pene, ci sono soluzioni, come il Membro XXL, di cui parleremo più avanti.

Quali sono le cause del micro pene?

Una carenza ormonale

La formazione dei genitali avviene già alla 7a settimana di gravidanza. È durante questo processo che intervengono gli ormoni androgeni. Questi ormoni, tra cui il Testosterone, sono responsabili dello sviluppo di caratteristiche maschili come i capelli, i muscoli e la dimensione del pene. In alcuni casi e per ragioni a volte sconosciute, l’assunzione di ormoni androgeni da parte della madre è insufficiente. Tuttavia, il pene si sviluppa normalmente, ma in una dimensione più piccola.

Insensibilità dei tessuti

In altri casi, l’assunzione dell’ormone androgeno è normale, ma è il tessuto del pene ad essere anormale. Affinché il pene cresca, i tessuti che lo compongono diventano più lunghi. A volte questi tessuti sono insensibili agli ormoni androgeni, quindi mantengono il loro aspetto, impedendo al pene di crescere.

Un’anomalia cromosomica

Spesso la causa della formazione di un micro pene rimane sconosciuta. I test non mostrano problemi ormonali e il tessuto del pene è sensibile al testosterone. Quando gli esami ormonali non sono in grado di spiegare la diagnosi, si ipotizza un’anomalia cromosomica. Questo perché sapete che il codice genetico è ciò che vi definisce in primo luogo. Alcune malattie colpiscono i cromosomi, in particolare i cromosomi che definiscono il sesso. È il caso, ad esempio, della sindrome di Klinefelter, causata dalla formazione di un cromosoma X di sesso extra. In questo caso particolare, uno dei sintomi della malattia è lo scarso sviluppo delle caratteristiche sessuali, cioè la dimensione del pene. D’altra parte, alcuni casi hanno dimostrato che il micro pene può essere ereditato dal padre. Tuttavia, nessun studio scientifico mostra un’ereditarietà sistematica.

Cause ambientali

È anche possibile che la madre sia stata esposta a sostanze chimiche dannose durante la gravidanza. Alcune sostanze chimiche sono perturbatori endocrini, quindi qualsiasi contatto con questi composti può influenzare i livelli di ormoni endocrini. Di conseguenza, lo sviluppo del pene del feto può essere danneggiato. Per questo motivo, durante la gravidanza, si consiglia alle donne incinte di non esporsi a sostanze chimiche. In particolare, le donne in gravidanza dovrebbero stare lontane dagli insetticidi, motivo per cui, tra le altre cose, si raccomanda loro di mangiare cibi biologici.

LEGGI  In che modo il diabete influenza sessualmente un uomo?

A volte, la causa della formazione di un micro pene è idiopatica, cioè senza motivo. Tuttavia, la spiegazione è molto spesso dovuta alla mancanza di ormoni durante la gravidanza. La pratica dello screening è l’unica prevenzione possibile. Prima il caso viene trattato, maggiori sono le possibilità che il pene si sviluppi normalmente.

Micro pene: quali sono le conseguenze?

Conseguenze sulla salute fisica

Il micro pene non è una malformazione. In altre parole, il micro pene non è un pene malformato, è un pene molto più piccolo della media. Ciò significa che, qualunque sia la causa, la formazione di un micropene non influisce in alcun modo sulla sua funzionalità.

Il micro pene funziona esattamente come un pene normale, ma più piccolo.

Gli uomini con micropene hanno erezioni, possono avere rapporti sessuali e sono perfettamente fertili. Da un punto di vista medico, il micro pene non ha alcun impatto negativo sulla salute fisica.

Conseguenze psicologiche

Mentre le dimensioni del pene non hanno alcun impatto sulla salute fisica, questo non è il caso della salute mentale. In realtà, non è una novità: la dimensione del sesso maschile è una delle maggiori preoccupazioni dei maschi. Il pene è associato alla virilità e alla virilità, non si può mai avere troppi! Di conseguenza, la dimensione del pene diventa a volte un’ossessione con ripercussioni sulla salute mentale e sulla vita sessuale.

Mancanza di fiducia in se stessi
Perdita di libido
Una vita sessuale povera o insoddisfatta
Un complesso di inferiorità

A volte, la somma dei suoi sintomi psicologici arriva a causare disfunzioni erettili come l’impotenza o l’eiaculazione precoce.

Quali sono i trattamenti e le possibili soluzioni?

Trattamenti ormonali

Come già detto, il micro pene è spesso causato da una carenza ormonale. Lo screening per un pene più piccolo della media viene effettuato alla nascita. In questo caso il trattamento ormonale è considerato fin dall’infanzia. Questo comporta iniezioni di testosterone in piccole dosi in un breve periodo di tempo. Di solito per un periodo di 3 mesi. Questo tipo di trattamento è raramente conclusivo, poiché lo sviluppo del sesso è determinato dopo la 7a settimana di gravidanza. Pertanto, l’iniezione di testosterone, anche alla nascita, è già in ritardo nel raggiungere buoni risultati. Nella maggior parte dei casi, questi trattamenti non consentono di guadagnare molto di più di 1 cm. Tuttavia, il trattamento viene talvolta continuato durante l’adolescenza. Senza più successo nella maggior parte dei casi.

Diversi tipi di chirurgia

Se il micro pene viene diagnosticato in età adulta, il trattamento ormonale non viene offerto in quanto non ha alcun effetto. In alcuni casi, al paziente verranno offerte diverse tecniche chirurgiche:

LEGGI  Eiaculazione sbavante: comprendere questo disturbo eiaculatorio

Sezionare il legamento sospensore del pene: si tratta di tagliare il legamento che si trova tra il pene e il pube. Questo fa apparire il pene più lungo perché è più staccato dal pube. Il guadagno osservato oscilla tra 1 e 2 cm. Tuttavia, questo spesso va a scapito dell’erezione che è indebolita dalla sezione del legamento.

Iniezione di grasso: non modifica la lunghezza del pene, ma compensa aumentando la circonferenza. Il problema di questa tecnica è che dopo diversi anni il grasso viene riassorbito in modo uniforme. Il pene assume un aspetto discontinuo e sgradevole.
In casi molto rari, può essere offerta una riassegnazione sessuale. Si tratta infatti di proporre ai pazienti il cui sesso è talmente piccolo che il glande è incollato al pube, di muoversi verso un cambio di sesso. Questo tipo di operazione è stata praticata principalmente negli anni ’60 e su soggetti gravemente colpiti.

Trattamenti naturali

Come avrete letto, né i trattamenti ormonali né gli interventi chirurgici mostrano risultati conclusivi. A volte il modo migliore per affrontare questo tipo di problema è ancora quello di ricorrere a un trattamento naturale a lungo termine. Ci sono diversi integratori alimentari disponibili per trattare il problema del micro pene. Il membro XXL è il migliore di questi.

Gli ingredienti contenuti in questo trattamento sono naturali al 100% e di ottima qualità. È stato sviluppato da un team di esperti, affidabile e qualificato. Infatti, il membro XXL ha sviluppato una formula unica che garantisce l’aumento delle dimensioni del pene: i suoi ingredienti agiscono sulla produzione di ossido nitrico, il cui aumento dilata i tessuti del pene e aumenta il flusso sanguigno. Il pene viene quindi allungato in modo sicuro e progressivo.

Oltre ad allungare le dimensioni del vostro pene, gli ingredienti del Membro XXL sono stati utilizzati per migliaia di anni per il trattamento di vari disturbi sessuali. Potete essere sicuri di godere dei vantaggi dell’utilizzo del Membro XXL:

Erezioni più forti
Maggiore controllo delle erezioni
Orgasmi più intensi
Un desiderio sessuale più forte

Altri metodi noti per ingrandire le dimensioni del pene

Ci sono altre soluzioni per ingrandire le dimensioni del pene, tra queste, ecco i 2 metodi più efficaci e popolari:

Jelqing: Si tratta di un massaggio speciale che aiuta a promuovere la circolazione del sangue nel pene. Se c’è un maggiore afflusso di sangue nel pene, questo si allunga e cresce.
Esercizi di Kegel: sono esercizi che aiutano a rafforzare il pene. Di conseguenza, i vostri genitali cresceranno e si espanderanno.
Sono noti per essere efficaci, ma i risultati richiedono molto tempo per essere percepiti. Inoltre, gli esercizi devono essere praticati regolarmente e senza interruzioni. Il nostro consiglio: combinate Jelqing con la cura di integratori alimentari Member XXL. Otterrete risultati molto più rapidi e soddisfacenti.

Jean-Michel COHEN

Jean-Michel è stato un giornalista sanitario di Medisite per 6 anni, prima di entrare nella redazione di peacereporter.net nell'aprile 2020, come responsabile della sezione salute, psico e sesso. È laureato al Centre de Formation et de Perfectionnement des Journalistes (CFPJ).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Peacereporter.net