La sindrome degli spogliatoi: quali soluzioni ai vostri complessi?

Quale uomo non ha mai paragonato il suo sesso a quello dei suoi compagni di calcio una volta che era l’ora della doccia? Purtroppo, questa competizione implicita può portare, in alcune persone, all’imbarazzo o addirittura al complesso di vedere il proprio sesso più piccolo di quello del collega: la sindrome dello spogliatoio.

Cos’è la sindrome da spogliatoio?

La sindrome dello spogliatoio, o dismorfofobia genitale, non è altro che il complesso che alcuni uomini sentono per le dimensioni del loro pene. Il pene è un segno di virilità e fertilità, e rimane uno degli argomenti di conversazione preferiti nel mondo maschile.

Eppure, contrariamente ai riferimenti pornografici fuori dal comune, l’altezza media del sesso maschile in Francia è di 9,16 cm a riposo e 13,12 cm in erezione, ben lontana da quella degli attori dei film a luci rosse.

Gli uomini che soffrono della sindrome degli spogliatoi evitano quindi qualsiasi situazione in cui la loro privacy sarebbe esposta ai loro coetanei, generalmente docce collettive e spogliatoi, da cui il nome dato a questo complesso.

Tuttavia, la maggior parte di loro ha un sesso di medie dimensioni, ben lungi dal corrispondere a quello di un micropene, in altre parole un sesso di lunghezza inferiore a 5,2 cm a riposo e 8,5 cm in erezione.

La sindrome degli spogliatoi è quindi generalmente infondata, il che non impedisce a chi ne soffre di evitare situazioni di esposizione o addirittura di isolarsi, il che non fa altro che aumentare la sensazione di inferiorità.

Può anche influire sulla loro vita intima, poiché gli uomini credono erroneamente che le dimensioni del loro pene influiscano sul piacere sessuale della loro partner. State tranquilli, signori, queste signore sono molto più sensibili ai vostri movimenti pelvici e ai preliminari che alle dimensioni dei vostri genitali!

LEGGI  Opinioni sul gel Titan: è davvero efficace per migliorare le vostre prestazioni a letto?

Cosa causa il pene piccolo?

Al di là della sindrome degli spogliatoi, che è un disturbo psicologico legato a un complesso fisico, il micropene è una realtà. Alcune delle cause principali citate che possono portare a un rallentamento della crescita del pene sono :

insensibilità a certi ormoni maschili (androgeni)
cause ambientali, come l’esposizione della madre incinta agli insetticidi, con conseguente disturbo dello sviluppo del feto
anomalie cromosomiche
Se l’esperienza reale di avere un micropene e la sensazione di essere mal dotato dalla natura può portare ad un malessere simile, i trattamenti sono molto diversi in questi due casi.

Le soluzioni al vostro complesso dimensionale

Per un uomo il cui sesso corrisponde ai criteri del micropene, esistono alcune soluzioni per l’allungamento del sesso. Possono essere offerti interventi chirurgici, il più comune dei quali è il sezionamento del legamento superiore del pene: una volta tagliato questo legamento, la promessa è di guadagnare tra i 2 e i 3 cm di lunghezza.

Per gli uomini in sovrappeso, la cui pancia fa apparire il sesso più piccolo, può essere offerta anche una lipo-aspirazione del basso addome, che farà apparire il pene più prominente.

Di fronte a una sindrome da spogliatoio, quindi un disturbo dell’immagine del proprio corpo, non può essere proposta alcuna soluzione chirurgica, poiché la dimensione del sesso è corretta. Solo l’immagine che l’uomo ne ha è distorta.

In questo caso, l’assistenza psicologica sembra essere la più appropriata. Possono essere offerti esercizi di autoaffermazione e di modificazione dell’immagine corporea. Sulla base di terapie comportamentali e cognitive, gli esercizi di esposizione potrebbero rivelarsi efficaci: l’uomo affetto da sindrome da spogliatoio si renderà rapidamente conto che la visione del suo sesso, da parte di altri uomini, non provoca derisione.

Jean-Michel COHEN

Jean-Michel è stato un giornalista sanitario di Medisite per 6 anni, prima di entrare nella redazione di peacereporter.net nell'aprile 2020, come responsabile della sezione salute, psico e sesso. È laureato al Centre de Formation et de Perfectionnement des Journalistes (CFPJ).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Peacereporter.net