Disfunzione erettile: quali sono le cause e i possibili trattamenti?

La disfunzione erettile, nota anche come impotenza maschile, è caratterizzata da difficoltà (o incapacità) di raggiungere l’erezione. Le cause possono essere psicologiche (ansia da prestazione, conflitti all’interno della coppia). Ma nella stragrande maggioranza dei casi è causata o aggravata da un disturbo fisico (condizione medica, farmaci). In generale, anche se può colpire gli uomini di qualsiasi età, il rischio di soffrire di disfunzione erettile aumenta con l’età.

In questo articolo, presentiamo le principali forme di disfunzione erettile. Ma anche le cause che possono spiegare la tua difficoltà a diventare duro. E infine, i trattamenti disponibili. Perché qualunque sia l’origine del vostro disturbo, è perfettamente curabile.

Le principali forme di disfunzione erettile

In generale, la disfunzione erettile è quando si hanno ripetute difficoltà (o incapacità) ad avere un’erezione. O per farla durare per tutta la durata del rapporto sessuale. Quindi attenzione a non confonderlo con un guasto occasionale. Prima di consultare un medico, che può prescrivere un trattamento per la vostra impotenza, si raccomanda di aspettare tre mesi.

Si stima che il 20% degli uomini tra i 50 e i 60 anni soffra di disfunzione erettile. Ma è del tutto possibile che tu stia sperimentando questo tipo di disturbo in età più giovane.

Fate anche attenzione a non confondere la disfunzione erettile (come l’erezione morbida o il debonding durante il rapporto sessuale) con i disturbi dell’eiaculazione come :

  • Eiaculazione precoce: questo disturbo sessuale consiste nell’eiaculare molto rapidamente dopo l’inizio del rapporto sessuale. A volte anche prima di aver penetrato il vostro partner. Si parla di eiaculazione precoce quando questo problema è costante. Colpirà circa un uomo su tre.
  • Eiaculazione ritardata o aneiaculazione: Al contrario, un uomo che soffre di questo disturbo avrà difficoltà ad eiaculare. E le sue relazioni saranno quindi anormalmente lunghe. Questo contenimento può essere psicologico (difficoltà a lasciarsi andare) o organico (diabete o assunzione di antidepressivi, per esempio).

Quali sono le principali cause fisiche della disfunzione erettile?

Diverse condizioni mediche o trattamenti possono spiegare perché si soffre di disfunzione erettile. Ecco i principali.

Un problema vascolare

La scarsa circolazione sanguigna può essere la ragione per cui si ha difficoltà ad avere un’erezione. Perché il vostro pene non verrà irrigato correttamente.

Se avete una malattia cardiaca, una malattia coronarica, un’artrite o un’ipertensione arteriosa, avete quasi il 40% di possibilità di sviluppare una disfunzione erettile. Lo stesso vale se si ha troppo colesterolo cattivo, perché intasa le arterie e rallenta la circolazione del sangue. La disfunzione erettile è anche considerato un fattore aggravante nella futura malattia vascolare. Pertanto, consultate rapidamente uno specialista se temete di soffrire di disfunzione erettile.

LEGGI  Cenforce: La piccola pillola blu che può ristrutturare la tua vita sessuale

Diabete

Il diabete è anche un fattore aggravante della disfunzione erettile. Infatti, tra il 40 e il 70% dei diabetici avrebbe difficoltà ad avere un’erezione. E nei pazienti di tipo 1, questi problemi si manifesterebbero ancora prima. I rischi sono ancora maggiori se il diabete è fuori controllo o se si è anziani.

Si consiglia quindi di sottoporsi al test il prima possibile. Ma anche di adottare una dieta sana ed equilibrata per ridurre la prevalenza della disfunzione erettile. Sarà infatti abbastanza vincolante trattare in una persona diabetica. E può portare a complicazioni psicologiche.

Cause neurologiche

Alcune malattie neurologiche possono anche spiegare la disfunzione erettile. Questo è in particolare il caso di :

  • Morbo di Parkinson;
  • Alzheimer;
  • epilessia;
  • colpi;
  • sclerosi multipla.

Chirurgia della prostata

Il cancro alla prostata, che è il tumore più comune negli uomini, può anche essere correlato ai vostri problemi erettili. Infatti, l’intervento chirurgico che può essere eseguito per rimuovere le cellule tumorali da voi può influenzare i nervi erettili e quindi portare a disfunzioni erettili.

Tuttavia, questo sta diventando sempre più raro, poiché i chirurghi sono ora addestrati per evitare questa complicazione post-operatoria. Tuttavia, gli uomini che si sono sottoposti al trattamento per il cancro alla prostata possono dover aspettare 2 anni per avere un’erezione soddisfacente.

Chirurgia e radioterapia

Possono essere coinvolti anche altri interventi chirurgici. Questo è il caso della chirurgia della vescica o del retto, per esempio.

Lo stesso vale per la radioterapia, un trattamento con radiazioni sull’addome-pelvico che può causare disfunzioni erettili in quasi il 75% dei casi.

Origini traumatiche

Il trauma può anche t essere la causa della difficoltà a diventare duro. Se avete subito una frattura pelvica, può influenzare la circolazione sanguigna e il sistema nervoso. E quindi portare alla disfunzione erettile.

Lo stesso vale per i traumi al midollo spinale a seguito di un incidente. A seconda dell’area interessata, l’erezione può soffrire. Tuttavia, i rischi sono minori se l’infortunio è incompleto.

Fate attenzione anche ai traumi al perineo, soprattutto nei ciclisti. La compressione cronica può influenzare il nervo pudendo e causare la perdita dell’erezione.

Assunzione di cure mediche

Alcuni trattamenti possono avere effetti collaterali come la disfunzione erettile. Soprattutto quelli per la pressione alta, colesterolo e problemi cardiaci. Ma anche farmaci per il trattamento di un disturbo mentale come antidepressivi e ansiolitici.

LEGGI  Codice coupon Member XXL: lo sconto che non ti diciamo?

In questo caso, dovreste discuterne con il vostro medico prima di interrompere il trattamento. Lui o lei può consigliarvi delle alternative, ma potrebbe essere necessario bilanciare la vostra salute e la vostra vita sessuale.

L’uso di alcol, tabacco o droghe

Il fumo o l’eccessivo consumo di alcolici possono influire seriamente sulla vostra sessualità. Queste due sostanze hanno un effetto negativo sulla circolazione sanguigna. E promuovere la perdita venosa, ma anche lo stress e la diminuzione della produzione di testosterone. Il risultato è la disfunzione erettile e un calo della libido.

Per ritrovare una vita sessuale soddisfacente, in questo caso sarà sufficiente ridurre i consumi. Farlo anche preventivamente per mantenere sana la funzione erettile.

Invecchiamento

Il rischio di disfunzione erettile aumenta anche con l’età. Con l’avanzare dell’età, il desiderio sessuale diminuisce. Questo vale anche per la sensibilità del vostro pene, che avrà bisogno di una maggiore stimolazione per ottenere un’erezione. Avrete anche meno erezioni di notte o al mattino e la vostra eiaculazione sarà più debole. Il tuo livello di testosterone scenderà anche a partire dai 60 anni.

Cause psicologiche

La vostra impotenza può anche avere un’origine psicologica. Aspettative irrealistiche sulle vostre prestazioni sessuali o un lungo periodo di celibato possono causare stress quando si tratta dell’atto. Risultato? Stai secernendo adrenalina, che ti rovinerà le possibilità di diventare duro. Sarà quindi consigliabile consultare un sessuologo, che potrà aiutarvi a ritrovare la fiducia in voi stessi. Lo sport è anche un buon modo per combattere lo stress e recuperare la propria autostima.

I conflitti all’interno della vostra relazione possono anche ridurre la vostra stimolazione sessuale. E quindi causare la disfunzione erettile. In questo caso, la chiave è comunicare apertamente con il proprio partner. E se possibile, terapia di coppia.

Come trattarlo?

Come abbiamo già visto in questo articolo, la disfunzione erettile è ben lungi dall’essere una fatalità. E ci sono molti trattamenti (sia naturali che medicinali) per aiutarvi a ritrovare una vita sessuale soddisfacente.

Trattamenti orali

La soluzione principale che può essere raccomandata è quella di prendere il trattamento orale, in altre parole, le pillole di bendaggio. Conosciuti anche come inibitori della PDE5, le pillole come Viagra, Cialis o Levitra vi aiuteranno a raggiungere un’erezione più dura e duratura. Fate attenzione però, perché funzionano solo se siete sessualmente stimolati.

LEGGI  Estensori per il pene: quali sono i migliori dispositivi per ingrandire il pene?

Disponibili solo su prescrizione medica, possono causare effetti collaterali (come emicranie o problemi respiratori) e sono controindicati in alcuni casi. Soprattutto se si soffre di problemi cardiaci o se si assumono trattamenti a base di nitrati. Quindi assicuratevi di discuterne con il vostro medico.

Se la sua condizione medica le vieta di assumere inibitori della PDE5, potrebbe voler prendere in considerazione alternative più naturali. Come Male Extra, un integratore disponibile senza prescrizione medica che non solo migliorerà la vostra erezione. Ma anche per aumentare la libido e aumentare le dimensioni del pene.

Alcuni afrodisiaci naturali (come la Yohimbine, la Maca o il Ginseng) vi aiuteranno anche a ritrovare il vostro desiderio sessuale. E quindi per migliorare la vostra vita sessuale.

Trattamenti intrauretrali

Se non è possibile assumere farmaci per via orale, o se sono inefficaci nel trattamento della disfunzione erettile, il medico può consigliare sostanze vasoattive come alprostadil. Molto facile da iniettare, questo trattamento viene somministrato (sotto forma di supposta) direttamente nell’uretra e permette di avere un’erezione dopo 5-30 minuti. Questa soluzione sarebbe efficace su oltre il 30% degli uomini che non possono prendere la pillola indurente.

Dispositivi e impianti penieni

Il medico può anche consigliare un dispositivo meccanico come un anello penieno (che dovrete stringere intorno alla base del pene per ottenere un’erezione) o una pompa a vuoto. Quest’ultimo crea un vuoto in un cilindro intorno al pene e quindi provoca un’erezione.

Entrambi hanno il vantaggio di evitare gli effetti collaterali che si possono verificare con il trattamento orale. Tuttavia, saranno molto meno discreti e richiederanno una discussione seria con il vostro partner. È infatti preferibile che lei approvi questa soluzione in modo che la vostra sessualità possa essere appagante.

Si può anche optare per un impianto penieno. Il vostro chirurgo posizionerà un’asta flessibile all’interno del vostro pene che si gonfierà prima del rapporto sessuale. Si tratta, tuttavia, di un’ultima risorsa.

Trattamento ormonale

Se il problema è dovuto alla bassa produzione di testosterone (o ipogonadismo), allora si consiglia di prendere un trattamento ormonale per riportare i livelli di ormoni sessuali alla normalità. Attenzione però, perché in genere è efficace solo per un uomo su tre.

Jean-Michel COHEN

Jean-Michel è stato un giornalista sanitario di Medisite per 6 anni, prima di entrare nella redazione di peacereporter.net nell'aprile 2020, come responsabile della sezione salute, psico e sesso. È laureato al Centre de Formation et de Perfectionnement des Journalistes (CFPJ).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Peacereporter.net