A che età il pene smette di crescere?

Il pene è l’organo riproduttivo, di minzione e di copulazione maschile, e insieme ai testicoli forma i genitali maschili esterni. La dimensione del pene, sia esso flaccido (a riposo) o eretto, è sempre stata associata alla virilità e rimane l’indicatore di molte delle prestazioni sessuali, del vigore e della capacità di procreare del suo proprietario.

In che misura lo sviluppo di questo attributo maschile è legato all’età? A che punto smette di crescere?

Non è uguale quando si tratta di peni

Studi in tutto il mondo confermano che le sue dimensioni variano a seconda delle popolazioni. Quelli dell’Africa subsahariana e del Nord America del Sud sembrano essere particolarmente ben dotati, a differenza di quelli dei Paesi asiatici.

Il pene è fonte di ansia

Gli adolescenti hanno molte domande su questo argomento. Confrontando il proprio sesso con quello del vicino di doccia nello spogliatoio, si possono avere conseguenze spiacevoli per un giovane già indebolito dagli sconvolgimenti dell’adolescenza.

Il maschio adulto, invece, può non vivere bene con le dimensioni di un pene che considera troppo piccolo e può decidere di sottoporsi ad un intervento di chirurgia estetica.

Questo è l’unico modo efficace per risolvere quello che viene poi considerato un handicap.

La masturbazione fasulla è una soluzione miracolosa

A rischio di deludere più di uno che ha pensato di unire l’utile al dilettevole, è necessario sapere che la masturbazione non porta ad un’espansione duratura di questo membro. Portando all’orgasmo, rinnova semplicemente le riserve di sperma e stimola la prostata.

Lo sviluppo del pene e la sua dimensione finale sono soggetti esclusivamente alle leggi della natura.

LEGGI  Esercizio di Kegel per gli uomini: il tuo pene ha il suo allenamento!

Tutto si riduce alla pubertà

Questo è il momento in cui il cervello rilascia gli ormoni che causeranno grandi cambiamenti nel ragazzo. Per saperne di più sulla pubertà e il pene in questo articolo.

La somatropina agisce sull’organo maschile

Questo ormone stimola la crescita delle cellule e quindi la crescita del corpo. Secreta dalla parte anteriore della ghiandola pituitaria, influisce sulla formazione e sul mantenimento delle dimensioni del fallo.

Il testosterone, la stella degli ormoni maschili

Nell’adolescenza, i testicoli iniziano a produrre grandi quantità di testosterone. L’androgeno, la stella degli ormoni maschili, ha un ruolo nella crescita dei capelli, nella muta della voce e nello sviluppo dei genitali.

Qualche anno per una vita di sesso

La fine della pubertà mette fine alla crescita del pene, insieme a quella del ragazzo. Il sesso maschile ha poi acquisito la sua dimensione finale e non crescerà più, un’eventuale assunzione di ormoni non cambierebbe nulla. Solo gli ormoni sessuali prodotti durante l’adolescenza hanno la capacità di agire sul suo sviluppo.

I casi di micropene (meno di 8 cm in erezione) rimangono rari. In questo caso, consultare un endocrinologo prima della fine della pubertà può essere una misura salvavita. Un trattamento ormonale esterno può ripristinare la crescita del pene e di tutto il corpo.

È quindi il passaggio all’età adulta, tra i 18 e i 22 anni a seconda della persona, che segna l’altezza definitiva del sesso maschile. Non c’è quindi bisogno di preoccuparsi inutilmente ed eccessivamente non appena si entra nella pubertà. Alla fine l’arto misurerà una media di 13,5 cm a riposo e 15 cm in erezione. Ma è interessante, per i più ansiosi, sottolineare che le dimensioni del pene flaccido non pregiudicano in alcun modo le dimensioni del pene eretto.

Jean-Michel COHEN

Jean-Michel è stato un giornalista sanitario di Medisite per 6 anni, prima di entrare nella redazione di peacereporter.net nell'aprile 2020, come responsabile della sezione salute, psico e sesso. È laureato al Centre de Formation et de Perfectionnement des Journalistes (CFPJ).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Peacereporter.net