10 alimenti che favoriscono il testosterone

Il testosterone è un ormone maschile (anche se anche le donne lo producono, ma in quantità molto minore rispetto agli uomini) che viene secreto dalle ghiandole sessuali dei mammiferi (cioè i testicoli) e dalle ghiandole surrenali. E se questo ormone è associato, nell’immaginario collettivo, alla virilità, non è inutile! Infatti, un alto livello di testosterone nel corpo fa rima con :

  • massa muscolare meglio mantenuta,
  • criniera e capelli abbondanti,
  • facilità di riproduzione,
  • spirito più competitivo,
  • ha esacerbato la virilità,
  • senza dimenticare naturalmente le famigerate esibizioni sotto il piumone!

E mentre i livelli di testosterone negli uomini aumentano drammaticamente dall’adolescenza agli anni ’30, dopo i 30 anni iniziano lentamente a diminuire. Il che è ben lungi dall’essere un affare per gli sportivi, sia che giochino in casa, allo stadio o in camera da letto!

Ma non fatevi prendere dal panico: affinché questi signori abbiano sempre la virilità dei loro ventenni, ecco 10 alimenti che aumentano il testosterone!

Cavoli

Bene, ok: quando si pensa a una cena romantica seguita da una folle notte d’amore con Chéri, i crocifissi sono raramente messi nel menu, data la loro reputazione di flatulenza… Ma comunque, per aumentare la virilità di questi signori, niente di meglio che stare nei cavoli! La spiegazione è semplice: i membri della famiglia delle crocifere (cavolo rosso, cavolo bianco, cavolfiore, cavolo verde, cavoletti di Bruxelles, broccoli e tutti gli altri) contengono Indole-3-Carbinolo (IC3 per gli intimi), un fitonutriente che impedisce che il testosterone libero nel corpo degli uomini si converta in estrogeni… per il massimo livello possibile di testosterone! Inoltre, i cruciferi sono ricchi di vitamina C, una vitamina che impedisce al corpo di secernere troppo cortisolo (il famoso ormone dello stress); studi hanno dimostrato che più alto è il livello di cortisolo negli individui, più basso è il livello di testosterone… e viceversa!

Aglio

L’aglio è ancora il killer dell’amore per eccellenza, ma può ancora fare miracoli in camera da letto… Infatti, l’aglio contiene allicina, un composto di zolfo che gli conferisce il suo odore pungente, ma che ha anche molti benefici, come la promozione della circolazione sanguigna, causando il rilascio di ormoni luteinizzanti nel corpo, ormoni che promuovono la produzione di testosterone, partecipano alla riduzione dei livelli di cortisolo nel corpo. Piuttosto buono, vero? Ebbene, la cattiva notizia è che per raccogliere i frutti di questi benefici sulla virilità maschile, questi signori devono consumare aglio… crudo! È quindi meglio pianificare un dessert fortemente alla menta.

LEGGI  Effetti fisiologici del testosterone

L’uovo

Quando Chéri vuole diventare il re della palestra o il principe della camera da letto, non esitate e dategli uova da mangiare più volte al giorno! Le uova sono un alimento unico che aumenta il testosterone per diversi motivi. Prima di tutto, le uova sono ricche di proteine, ma anche di colesterolo (ma il colesterolo buono, HDL!), un lipide che permette una maggiore secrezione di testosterone nel corpo. Successivamente, le uova contengono zinco, un microelemento che favorisce la crescita muscolare e rende più facile la sintesi del testosterone nel corpo. Infine, il tuorlo d’uovo contiene colina, una sostanza che si ritiene contribuisca all’eccitazione fisica e sessuale maschile. Cartone pieno per l’uovo!

L’avvocato

L’avocado è un frutto abbastanza calorico (180 kcal per ½ avocado lo stesso) che gli sportivi hanno spesso difficoltà a mettere nel menù, soprattutto quando vogliono costruire massa muscolare. Ma non si può contare sulle apparenze! Infatti, l’avocado contiene grassi… ma grassi buoni (acidi grassi monoinsaturi) che abbassano il livello di colesterolo cattivo (LDL) nel sangue e aumentano il buono (HDL). Come promemoria, alcune cellule del corpo producono testosterone… dal colesterolo! Avocado contiene anche molti nutrienti (vitamina B6, potassio, zinco, acido folico) che sono noti per aumentare il testosterone negli uomini. Insomma, l’avocado è un ottimo frutto per il cuore… ma non solo!

I semi

I semi (girasole, lino, chia, chia, zucca, sesamo, ecc.) sono in crescita sul Planet Food da diversi anni. E questa è una grande notizia! Perché oltre a decorare splendidamente i nostri piatti con un tocco sano, questi semi sono ricchi: di acido alfa linoleico, un acido grasso essenziale che stimola la produzione di testosterone nell’organismo, di zinco, selenio, magnesio e vitamina E, sostanze nutritive che aiutano a mantenere un alto livello di testosterone nell’organismo. Morale: la prossima volta che Chéri si prende gioco di noi perché cospargiamo la nostra insalata, la zuppa o lo yogurt con un misto di semi, ne aggiungiamo altri nel suo piatto e giuriamo che è per il suo bene!

LEGGI  Dianabol in vendita - La Guida all'acquisto finale

Salmone

Il salmone è un pesce grasso che, come il tonno e lo sgombro, può essere un potente alleato per la virilità maschile! Infatti, il salmone contiene diversi nutrienti noti per aumentare il testosterone in questi signori: Vitamina D, che secondo un recente studio dell’Università austriaca di Graz potrebbe aumentare il livello di testosterone nel corpo fino al 90%! Magnesio e zinco, due minerali che promuovono alti livelli di testosterone negli uomini. Grassi insaturi che aiutano ad aumentare il colesterolo buono e ad abbassare il colesterolo cattivo. Inoltre, il salmone aiuta a ridurre il livello di GBS nel corpo, una globulina che si lega con il testosterone libero nel corpo, impedendo che venga raccolto dai recettori del testosterone.

L’ostrica

Non è un caso che le ostriche abbiano la reputazione di essere un alimento afrodisiaco… In effetti, questi piccoli tesori del mare sono estremamente ricchi di zinco (6 ostriche coprono più di 7 volte l’assunzione giornaliera raccomandata di zinco, vale a dire), un oligoelemento che svolge un ruolo essenziale nella produzione di testosterone in questi signori. Infatti, lo zinco facilita la produzione di testosterone nel corpo impedendo che il testosterone si trasformi in estrogeni (l’ormone femminile, al contrario del testosterone, l’ormone maschile). Numerosi studi hanno così dimostrato che gli uomini che hanno avuto diete ricche di frutti di mare, fegato, crocifere, ha prodotto molto più testosterone rispetto agli uomini che hanno sofferto di carenza di zinco.

Il dado

Il dado è un dado che le donne amano per i suoi benefici in termini di salute e forma… e che anche questi signori dovrebbero scegliere più spesso! Infatti, proprio come il salmone o l’avocado, le noci sono un alimento ricco di grassi mono e polinsaturi e quindi di colesterolo buono (che le cellule useranno certamente per fare testosterone). Senza dimenticare che il dado è un frutto che contiene citrullina e arginina; due aminoacidi noti per causare il rilascio di ossido nitrico nell’organismo. Il che significa: un aumento del calibro delle arterie, e un aumento della circolazione sanguigna… un po’ come la famosa pillolina blu!

LEGGI  HGH in vendita: I migliori integratori e pillole HGH del 2020

Farina d’avena

Quando Chéri ha in programma un grande allenamento in palestra nel pomeriggio, o un grande allenamento in camera da letto la sera, non esitate a farle mangiare un’abbondante colazione a base di farina d’avena! Infatti, contengono molti nutrienti che aiutano il corpo a produrre più testosterone o a mantenere un alto livello di testosterone, come lo zinco, la vitamina D, le saponine o l’avenacoside. O per aumentare la circolazione sanguigna giocando sulla dilatazione dei vasi sanguigni, come nel caso dell’arginina in particolare.

Manzo

Anche se continuiamo a dire a Chéri di ridurre il consumo di carne rossa, soprattutto di manzo, una buona bistecca di manzo di tanto in tanto non può farle male? Infatti, da un lato, la carne bovina contiene proteine, che inibiscono parzialmente l’azione del GBS nel corpo; questo permette di avere più testosterone libero nel corpo. D’altra parte, la carne bovina è una buona fonte di zinco (che svolge un ruolo fondamentale nella produzione di testosterone, come abbiamo già visto) e di grassi saturi (che forniscono il colesterolo buono da cui si forma il testosterone).

Jean-Michel COHEN

Jean-Michel è stato un giornalista sanitario di Medisite per 6 anni, prima di entrare nella redazione di peacereporter.net nell'aprile 2020, come responsabile della sezione salute, psico e sesso. È laureato al Centre de Formation et de Perfectionnement des Journalistes (CFPJ).

We will be happy to hear your thoughts

      Leave a reply

      Peacereporter.net